fbpx

Il forasacco nel cane: rischi e sintomi per naso, orecchie e zampe

forasacco cane naso orecchie sintomi

Il forasacco nel cane: rischi e sintomi per naso, orecchie e zampe

Uno dei pericoli dell’estate è data dalla presenza dei forasacchi o spighetta.

Vediamo insieme perché sono così pericolosi, come riconoscerli e difendersi quando li incontriamo.

Forasacchi: cosa sono?

Forasacchi o spighette

Il forasacco o spighetta è la parte di alcune graminacee che, a causa della sua conformazione, riesce ad infilarsi nella cute e orifizi del cane, creando danni a volte davvero importanti.

I forasacchi sono presenti soprattutto in campi incolti, ma si trovano un po’ ovunque come erba infestante.

La loro conformazione è particolare, in quanto hanno un’estremità molto acuminata. Il resto della superficie è disseminata di piccolissimi aculei che consentono alla spiga di procedere solo in un verso.

Puoi accorgerti di questa conformazione toccandoli: puoi scivolare lungo la loro superficie solo in una direzione. Nel senso opposto la superficie oppone resistenza dandoti la sensazione di un corpo ruvido.

Quali sono le zone a rischio di incontro di forasacco?

Rischi del forasacco – Credits Community Dog’s Health

Purtroppo nella stagione estiva e tardo primaverile, questi vegetali si incontrano praticamente ovunque.

In campagna, vicino alle coltivazioni, sui bordi dei campi, dove ci sono infestanti ce ne sono davvero moltissime, ma anche nei giardini e in tutte le zone dove è possibile la crescita di un’erba spontanea.

Questo significa che anche il marciapiede può essere un pericolo, in quanto le piccole aiuole che sono eventualmente presenti ai loro lati, potrebbero ospitare la spiga.

I cani possono venirne a contatto, semplicemente avvicinandosi ad un cespuglio dove, di solito, annusano infilando la testa, ma anche con il petto e ogni parte del corpo.

Forasacchi o spighe: perché sono pericolosi?

La pericolosità di questi vegetali è dovuta proprio alla loro conformazione che gli consente di

incunearsi nella pelle e in tutti gli orifizi:

  • naso
  • orecchie
  • occhi
  • canale lacrimale
  • vagina
  • canali delle ghiandole paranali.

Inoltre, sono in grado di penetrare la cute integra come una piccola lancia.

La gravità della lesione dipende dalla localizzazione in cui riescono a penetrare.

Estrazione di un forasacco dalla cute del cane

Quando seccano, queste parti vegetali possono rimanere per terra oppure attaccate alla loro pianta, ma si distaccano con grande facilità, venendo aspirati dalle narici del cane o inghiottiti perché leccati o ancora infilarsi nelle orecchie e ovunque. 

“Non è raro che riescano ad addentrarsi tanto in profondità nell’albero polmonare, fino ad arrivare, addirittura, alle cavità addominali.”

Quando si infilano nelle pieghe interdigitali dei piedi del cane, possono creare lesioni molto profonde, con ponfi dolenti che poi degenerano in ascessi.

Nelle orecchie possono provocare danni importanti fino ad arrivare al timpano.

Si possono disseminare su tutta la superficie corporea del cane, in quanto penetrano “aggrappandosi” al pelo per poi ferire con facilità la pelle.

Inoltre sono portatori di batteri e funghi che possono causare infezioni anche gravi.

Come mi accorgo che il cane ha incontrato un forasacco? I sintomi

Per prima cosa, devo distinguere i sintomi acuti, cioè quelli che si manifestano appena avviene l’incontro con la pianta e quelli che, invece, potrebbero manifestarsi nel caso in cui la spiga fosse penetrata nell’organismo e nessuno si fosse accorto di nulla.

In questo secondo caso, i sintomi sono assolutamente generici, si instaura una malattia cronica difficilmente riconoscibile se non con accertamenti diagnostici molto sofistiati come una TAC.

Vediamo quindi i sintomi acuti della spiga o forasacco.

Le spighe che provocano sintomi evidenti sono quelle che riescono ad infilarsi in parti molto delicate come:

 

  • naso
  • occhi
  • orecchie
  • piega interdigitale.

In caso il forasacco sia rimasto attaccato in un punto generico della pelle,  solo i cani particolarmente sensibili e insofferenti mostrano disagio e si grattano o leccano. 

Per gli altri, di solito passano inosservati.

Ecco perché è così importante essere in grado di riconoscere i segni del cane e, qualora non ve ne siano, attivarsi per rimuovere i forasacchi eventualmente presenti.

I sintomi più frequenti sono differenti a seconda della localizzazione del forasacco.

Forasacco nella zampa

Se il cane è particolarmente sensibile o il forasacco è già penetrato in profondità, magari perché non ti sei accorto della sua presenza e il cane ha continuato a camminare con la spiga infilata, può presentare:

  • zoppia
  • rigonfiamento della parte
  • arrossamento

Le lesione può aggravarsi a causa di intenso leccamento.

In alternativa, può non essere presente alcun sintomo se non la presenza della spiga che sporge dalla pelle tra i ciuffi di pelo o lieve fastidio che provoca zoppia o camminata irregolare con la zampa sollevata.

A volte il cane si guarda e si annusa la zampa…. come ad indicarti il problema.

Forasacco nelle orecchie

Se la spiga entra nelle orecchie il sintomo è, di solito molto violento.

Il cane:

  • sbatte insistentemente la testa
  • si gratta l’orecchio
  • porta la testa reclinata dalla parte in cui il forasacco è penetrato.

Forasacco nel naso

Anche in questo caso i sintomi sono molto violenti. 

Il cane di solito ha

  • starnuto insistente, quasi continuo
  • starnuto inverso frequente
  • tosse (se si è approfondito nell’albero bronchiale)
  • conati di vomito (soprattutto se il forasacco è penetrato nella gola)
  • emottisi (sangue dal naso)
  • si gratta violentemente il naso a terra o con le zampe

Forasacco negli occhi o canale lacrimale

Se un forasacco si è infilato nell’occhio (nella congiuntiva di solito, ma potrebbe anche ferire il bulbo oculare) i sintomi sono, anche qui,  molto evidenti:

  • lacrimazione abbondante (liquida)
  • dolore all’occhio (che si manifesta con l’occhio che rimane chiuso)
  • strofina la testa a terra
  • si strofina con la zampa l’occhio

Forasacco nel cane: cosa fare?

cane in campo erba alta rischio forasacchi

Cane in un campo di erba alta

Se il tuo cane stava benissimo e, subito dopo o durante una passeggiata oppure dopo essere stato nel giardino di casa, rientrando lo vedi strano, noti comportamenti simili a quelli descritti più sopra, è possibile che abbia incontrato un forasacco.

In questa situazione non devi perdere tempo e devi immediatamente recarti presso il tuo medico e, in caso sia chiuso, recarti presso un pronto soccorso, soprattutto se il sospetto è quello di una spiga nelle orecchie, occhi o nel naso.

“Perché è importante recarsi subito dal medico?

Perché i sintomi e i comportamenti messi in atto dal cane provocano l’avanzare del vegetale che, da una posizione superficiale in cui inizialmente si trova, può andare più a fondo (nelle orecchie, nei bronchi ecc).”

È importantissimo che tu non metta nulla, soprattutto nelle orecchie del cane: gocce, pomate o altro. In caso ci sia una lesione al timpano, questa potrebbe aggravarsi.

Come togliere i forasacchi dal manto del cane

Nella stagione dei forasacchi (tarda primavera e inizio estate) è importantissimo ispezionare il cane da cima a fondo al rientro da ogni passeggiata.

L’ispezione avviene in tre fasi:

  • ispezione visiva
  • ispezione con le mani
  • spazzolatura.

Questo perché, soprattutto nei cani con pelo lungo, ispido e poco curato, la sola vista può non essere sufficiente (e non solo per chi, come me deve mettere gli occhiali….😎)

Inoltre, se il vegetale fosse incuneato nelle pieghe dei piedi o sotto le ascelle o nelle pieghe delle orecchie (per i cani a orecchie pendule) non li vedresti.

Dopo aver osservato con molta attenzione il cane e aver tolto le spighe che hai visto, passa a toccare con le mani, ogni centimetro del cane, andando nella direzione del pelo prima e contro pelo poi.

Poni particolare attenzione, se il cane ha pelo lungo a:

  • infilare bene le dita in tutte le pieghe interdigitali delle zampe, sia sulla superficie superiore che sulla superficie inferiore, quindi tra i cuscinetti
  • tocca bene le orecchie
  • tutto il muso 
  • il petto
  • le ascelle
  • solleva la coda e controlla che non ci siano spighe a livello dell’ano e genitali
  • tocca anche i fianchi e la grassella (la pelle subito sopra al ginocchio che lo riunisce al fianco)

Terminata l’ispezione con le mani passa alla spazzolatura.

Per questa fase può essere utile l’utilizzo di prodotti che rendano più soffice il pelo aiutandolo a districarsi.

Inoltre, con questi prodotti aiuti anche a rimuovere eventuali piccoli residui di sporco presenti sul pelo.

Dopo aver spruzzato il prodotto su tutta la superficie del cane, potrai passare a spazzolarlo insistendo in quelle parti del corpo che potrebbero aver incontrato più facilmente il forasacco (fianchi, petto, zampe, pancia).

Ti stupirai a vedere ancora spighe sulla spazzola…

Prevenzione contro i forasacchi: cosa funziona davvero?

La prevenzione per evitare l’incontro con i forasacchi è particolarmente complicata, soprattutto perché, questi vegetali sono praticamente ovunque, anche in zone dove non ti aspetteresti proprio di trovarli, come in città… dietro un cassonetto o in una piazza, ma haimé crescono in ogni pertugio.

Ecco allora che diventa importante avere degli accorgimenti nei confronti della gestione del pelo del cane.

  1. Oltre al controllo capillare che ti ho descritto, dopo ogni passeggiata, è bene che in questa stagione il cane abbia un pelo ben curato, corto, pulito e senza nodi.
  2. I cani ad orecchie pendule potrebbero beneficiare di speciali coperture che possono evitare di far penetrare il forasacco in quella parte, nonostante penso sia più corretto porre maggiore attenzione a dove il cane va a mettere la testa, piuttosto che bardarlo rendendolo poco felice.
  3. L’uso della museruola potrebbe, a mio avviso essere controproducente. Il cane, aspirando con maggior forza a causa dell’accessorio, può incorrere nel problema con ancora maggior violenza. La museruola dovrebbe quindi essere totalmente chiusa sul naso o avere una pezza di tessuto davanti per evitare che la spiga possa passare direttamente nelle cavità nasali.

cane a passeggio nell'erba alta

Rischi della passeggiata nell’erba alta

Piuttosto che costringere il cane con precauzioni troppo invadenti, è bene prestare attenzione alle zone in cui si decide di portarlo a spasso e dedicare qualche minuto in più al controllo del manto e alla spazzolatura. Anche più di una volta al giorno.

Per saperne di più accedi alla Community Dog’s Health, risponderò alle tue domande.

I seminari Dog's Health: i forasacchi, come evitarli e difendersi.

Bibliografia
Veterinaria, Anno 12, n. 5, Ottobre 1998 ESTRAZIONE ENDOSCOPICA DI CORPI ESTRANEI VEGETALI DALL’ALBERO BRONCHIALE DEL CANE:CINQUE ANNI DI ESPERIENZA GIUSEPPE CUCINOTTA, MARCELLO MUSICÒ, NICOLA IANNELLI Istituto di Patologia Speciale e Clinica Chirurgica Veterinaria Università Degli Studi – Via S. Cecilia n° 30, Messina

Prodotti Dog’s Health

About the Author /

silviacamnasiob@gmail.com

Medico Veterinario Silvia Bonasegale Camnasio