igiene del cane da pet therapy

L’igiene e la salute del cane da Pet Therapy

Gli interventi assistiti con gli animali sono una parte importante del percorso terapeutico in moltissime circostanze. In questo articolo vediamo come si può consentire l’ingresso di animali in ambienti delicati come gli ospedali o le case di cura in sicurezza, rispettando le norme igieniche, la salute del paziente e del cane.

Interventi Assistiti con gli animali: quali rischi per il paziente?

Durante le sedute di Pet Therapy, i conduttori del cane consentono al paziente di interagire con l’animale che può essere toccato da persone che potrebbero avere un sistema immunitario non perfettamente competente.
Inoltre, soprattutto in caso di pazienti con disabilità o bambini, potrebbero facilmente mettersi le mani in bocca dopo aver toccato l’animale.

In queste circostanze è essenziale che l’animale sia perfettamente sano e pulito.

L’igiene eccessiva di un cane, però potrebbe essere nociva e quindi è importante limitare l’utilizzo di prodotti aggressivi, a favore di detergenti efficaci ma, al tempo stesso nutrienti e idratanti la cute.

I requisiti sanitari sono molto rigidi, perché le malattie trasmissibili all’uomo (le zoonosi) sono molte, ma facilmente prevenibili attraverso visite e valutazioni da parte del personale medico veterinario.

Dalle linee guida nazionali si evince che:

Gli animali scelti devono essere sottoposti preventivamente a una valutazione sanitaria dal medico veterinario dell’équipe che può avvalersi di colleghi specialisti. A seguito della valutazione ne viene riconosciuta l’idoneità che deve essere costantemente monitorata nel corso degli interventi.
È compito del medico veterinario dell’équipe individuare le modalità per il monitoraggio sanitario dell’animale.
Inoltre, al termine del progetto di IAA è necessario effettuare una nuova valutazione dello stato sanitario dell’animale impiegato.

Cosa può fare l’operatore per l’igiene del cane senza danneggiarlo?

pulire il cane prima della pet therapy

Igiene del cane da Pet Therapy

Le parti che sono più delicate del cane, a causa di una eccessiva detersione sono:

  • zampe – parte che ha necessità di essere detersa con maggior frequenza per il possibile contatto con agenti contaminanti trovati in strada;
  • muso – utilizzato dal cane per odorare in giro per strada e poi toccato dal paziente.

Istintivamente, si potrebbe pensare che la soluzione più semplice ed efficace sia quella di utilizzare un disinfettante. Questa pratica, però se effettuata su cute sana e spesso, può arrecare un danno tale da provocare gravi dermatiti al cane che si troverebbe una cute priva di un equilibrato microbiota cutaneo, utilissimo per il mantenimento dell’integrità cutanea.

Ecco perché si consiglia di usare prodotti che abbiano una buona capacità di detergere (non disinfettare) la parte e, contemporaneamente, idratare la cute per consentire alla pelle di mantenere il giusto equilibrio superficiale.

Anche il manto deve essere ben deterso e, possibilmente, non grasso.

Ma, esattamente come per le altre parti del corpo, se l’uso di sgrassatori è eccessivo, si può minare la salute del pelo. La pelle reagirà producendo una maggiore quantità di sebo per cercare di ristabilire il grasso perso, oppure subirà danni per una eccessiva secchezza.

Anche in questo caso non è necessario limitare i lavaggi o rinunciarvi, ma sarà bene utilizzare prodotti che possano rispettare il Ph della cute del cane, consentendo comunque una buona pulizia.
Per questo si potranno fare lavaggi anche settimanali se necessario, soprattutto in soggetti che, per scaricare le energie e recuperare le fatiche, amano correre e scorrazzare nei campi senza freni (come il nostro amico Jack).

cane da pet therapy

Jack, cane da IAA

Subito prima dell’intervento assistito però, se si vuole una detersione veloce per dare anche una sensazione ancora più piacevole al tatto del pelo del cane si possono utilizzare detergenti a base di Aloe Vera e olio di Neem.

Qualche minuto prima, una bella passata con un panno umido e una spazzolata veloce e il cane sarà profumato e morbido.

Allo stesso modo si potrà detergere le zampe e il muso con detergenti apposta (con un Ph leggermente inferiore), anche per le parti intime del cane, proprio per garantire una maggior pulizia durante la seduta.

Bene, per oggi è tutto.

Se vuoi saperne di più e rimanere sempre aggiornato sulle novità di Dog’s Health, unisciti alla nostra community Facebook.

I seminari Dog's Health: Spray Purifyl

About the Author /

silviacamnasiob@gmail.com

Medico Veterinario, si dedica alla divulgazione di buone pratiche cinofile, scrivendo testi medici comprensibili per tutti.